Warning: Use of undefined constant HTTP_USER_AGENT - assumed 'HTTP_USER_AGENT' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/riccar65/public_html/bluedivina.com/wp-content/themes/flatsome/header.php on line 1
Bere Acqua Ossigenata - Ivan Neumivakin | Blue Divina

Perchè dovremmo bere Acqua Ossigenata

Il professore Ivan Neumyvakin responsabile del programma di risanamento degli astronauti russi consiglia l’utilizzo di alcune gocce di perossido di idrogeno o acqua ossigenata al 3% per aumentare l’ossigenazione delle cellule e di tutto l’organismo.
È noto come le cellule cancerogene predirigano ambienti con basso contenuto di ossigeno, bere quindi acqua con aggiunta di acqua ossigenata può essere di aiuto nell’eliminazione dall’organismo di cellule dannose e tossine.
Questo è quanto afferma il professor Neumyvakin:
“Nella mia pratica parto dal presupposto che una persona che pesa 50-60 kg deve bere non meno di 1,5 litri, se ha delle malattie articolari, deve bere 2 litri, e chi pesa più di 70 kg deve bere non meno di 2 litri.
Da dove viene questo valore? In media, una persona di 70 kg evacua con l’urina circa 1 litro del liquido, e con le feci, 100 ml. Dalla superficie della pelle e con l’aria che si respira, si perdono altri 900 ml. Tutto insieme compone 2 litri d’acqua che vanno recuperati.
Dopo tre-sei mesi i malati che erano a letto si alzano, vanno al mercato, iniziano ad essere autosufficienti. Il segreto è semplice: hanno saziato le cellule dell’acqua di cui si avvertiva la mancanza. La medicina non nota che l’acqua è il miglior elettrolita, è l’energia; senza l’acqua non funzionano i mitocondri, le stazioni idroelettriche che forniscono alla cellula l’energia.
…L’acqua va bevuta così: mettete in bocca un pizzico del sale e poi bevete un bicchiere d’acqua con l’aggiunta di 5-15 gocce di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) al 3%. Dopo, bevete un altro bicchiere, presto sentirete che vi piacerà bere tale acqua. Questo serve per recuperare l’acqua che è stata impiegata dall’organismo durante il sonno per l’evacuazione degli scarti metabolici, e d’altra parte, serve per eliminare la bile concentrata che si è formata di notte nella cistifellea, la fonte principale dei calcoli.”